Agenda
Una donna per la famiglia PDF Stampa E-mail

Una donna per la famiglia di Della Torre Caterina

Un'associazione del sud che tutela le donne rimanendo indipendente.

Una donna per la famiglia, quando la famiglia cresce si ritrova sola. Ma le donne hanno molte risorse nascoste e allora creano...un'associazione A.I.D.E, nata nel profondo e profumato sud, tra i sassi (di Matera).

Anna Selvaggi Tamburrino , nata a Matera nel 49, decide di creare un'associazione che risolva i molteplici problemi delle donne. Laureata in scienze religiose, dopo aver lavorato per 8 anni, si sposa e dedica la propria vita alla cura della famiglia. Infatti dà alla luce ben quattro figli. E crescerli oggi non è cosa di poco conto.

Come sei arrivata alla fondazione dell'associazione A.I.D.E? Ad un certo punto della mia vita, e cioè quando i figli sono partiti  per  studiare all’Università, ho subito accusato  la sindrome del “ nido vuoto'' . Malinconia, solitudine e quotidianità fatta delle solite cose: cucinare, sferruzzare, cucire, leggere. Tutte attività svolte in perfetta solitudine. Mio marito, ingegnere, libero professionista impegnato per 18 ore al giorno. Lo attendevo la sera  per parlargli della lavatrice che si è rotta, delle 10 camicie che avevo stirato e del mal di testa che mi aveva  accompagnato tutta la giornata. Riconoscevo  che non avrei potuto continuare così. Mi sentivo abbastanza inutile. Ma  essendo abituata a cercare soluzioni venni casualmente a conoscenza ( non c’era ancora internet) di una Associazione nazionale “ la Federcasalinghe'', telefonai e dopo essere stata a Roma nella loro sede,  la promossi in Basilicata . Un bagno di consensi, iniziative, manifestazioni, incontri istituzionali, proposte di leggi regionali, insomma la mia vita cambiò. Uscire, mettersi in discussione e non sentirsi più tutelata dalle quattro  mura domestiche, in una nicchia fatta dalle solite cose. Importanti certo, ma anch’io ero cresciuta. Dieci anni di intensa attività sociale fino a quando tre anni fa, la Presidente Nazionale della Federcasalinghe mi chiese di appoggiarla politicamente come Associazione Regionale e se non lo avessi fatto potevo considerarmi fuori dall’Associazione. Minacce messe per iscritto. Non ne ho condiviso la strumentalizzazione perché ritengo che l’Associazionismo deve essere inteso come strumento di penetrazione dei bisogni sociali. Deve essere libero ed indipendente e non già come spesso accade fiancheggiatore di questo o quel partito. Alex de Tocqueville nel celebre “ La democrazia in America'' ebbe a scrivere che “ La libertà di Associazione è divenuta una garanzia contro la tirannide della maggioranza''. Ne sono uscita e dopo un po' ( ma poco) ho promosso A.I.D.E Associazione Indipendente Donne Europee .

Sono pervenuta alla determinazione di promuovere A.I.D.E per due fondamentali motivi:

·  Il primo è stato quello  di verificare la possibilità di un’Associazionismo collocato in una posizione critica rispetto ai partiti , che funga da pungolo nell’azione di politica di questi , che sappia essere una vera cinghia di trasmissione tra il variegato mondo della base associativa e i luoghi del governo della cosa pubblica.

·  Il secondo è costituito dalla percezione della necessità di una Associazione a carattere nazionale che nasce al sud non per rivendicare localismi, ma per interpretare bisogni che,diciamolo francamente sono diversi da quelli delle altre aree geografiche del nostro Paese.


Cosa ti aspetti? E quali sono le iniziative che avete già portato avanti?
Non mi aspetto nulla . L’Associazionismo è un impegno sociale, certo si parte da un proprio disagio e averlo  eliminato è bastato a gratificarmi.

Questa comunque  è una domanda che andrebbe fatta a chi dell’Associazionismo ne fa un uso strumentale per scopi personali.
Per il momento abbiamo portato avanti un'iniziativa per le prevenzione dagli incidenti domestici tra le donne casalinghe ancora molto comuni e non presi in considerazione sufficientemente.Spesso basterebbero solo informazione e controlli per evitare tragedie tra le quattro mura.

Chi sono le vostre associate ?
Donne, e sono contenta di dire tantissime donne giovani . La voglia di  socializzare , partecipare ad iniziative , ad esaltare la creatività delle donne, alla loro formazione umana e lavorativa. Si perché A.I.D.E attraverso progetti è riuscita ad assumere delle donne per piccole attività .Insomma A.I.D.E come incubatrice di idee e di progetti.


Cosa da' loro l''associazione?
La socia intanto ha un riferimento certo. Le Associazioni sono un centro di ascolto dei bisogni delle persone, e spesso riescono a soddisfare nei tempi e nei modi , ciò che le Istituzioni non potrebbero fare. Contribuiamo a promuovere una cultura delle Pari Opportunità , cercando di soddisfare  le attese del mondo femminile. Personalmente l’8 marzo del 2008 ho ricevuto un prestigioso riconoscimento dal Consiglio Regionale della Basilicata per l’impegno che profondo a favore delle donne e delle famiglie.

Esistono altre associazioni similari nel sud?
A.I.D.E per quanto mi risulta ,è la prima Associazione di genere a carattere nazionale nata al Sud . Vi sono certamente tante Associazioni locali e propaggini di Associazioni a carattere nazionale nate nel centro nord.

Come hai conosciuto dol's?

Attraverso internet, che è davvero una finestra sul mondo, A.I.D.E vuole affacciarsi a questa finestra per vedere, conoscere e operare.

 
Varie PDF Stampa E-mail
 
L'universo femminile non ha nomi PDF Stampa E-mail

art1

 
Donne e politica, rapporto impari PDF Stampa E-mail

art1

 
13/03/2010 - Festa della Donna PDF Stampa E-mail

(A Gallicchio, non è mai troppo tardi per festeggiare le donne)

La festa delle donne, in ritardo, ha lasciato il segno. E’ stata celebrata sabato 13 a Gallicchio la festa dell’8 marzo, organizzata dall’AIDE (Associazione Italiana Donne Europee) in collaborazione con l’Amministrazione comunale, il Forum dei Giovani e la Pro Loco. «La giornata è stata posticipata per gli impegni fuori regione di AIDE», spiega la responsabile locale, Rosaria Gesualdi. «Io stessa, nei giorni scorsi, con altre rappresentanti locali e dei numerosi centri dove AIDE è presente, siamo state impegnate in una fiera a Vicenza dove abbiamo preso parte a corsi sulle attività nelle quali siamo impegnate.

Pur se in ritardo, abbiamo voluto organizzare la manifestazione e sottolineare il valore delle donne». E ne è valsa la pena. Forse proprio il ritardo ha evitato quell’idea di semplice rituale e reso tutto più interessante. All’impeccabile organizzazione frutto dell'intesa tra le Associazioni locali, supportate dagli amministratori tutti, di maggioranza e opposizione, ha fatto da cornice la cittadinanza lasciatasi coinvolgere. Sarà stato che la festa ha avuto inizio con la celebrazione della Santa Messa.

Saranno state e le “bordate al cuore” lanciate dal parroco, don Marco, nella sua omelia, nel risultato finale si coglie un effetto taumaturgico. Sono riuscite, le donne gallicchiesi, laddove altri hanno fallito: mettere insieme, a fianco a fianco, i tanti uomini del paese, sempre maledettamente divisi in vista di competizioni politiche. Tanto trapelava dai discorsi di tutti, mentre si consumavano le 30 torte che, tra una rappresentazione e l’altra, erano state assaggiate dalla giuria che ha poi assegnato i premi alle più gustose. Le emozioni più belle sono state regalate dalle tante donne di solito molto riservate e che per l’occasione hanno mostrato i loro tesori nascosti: chi ha cantato per la prima volta in pubblico, chi ha recitato poesie, chi ha danzato. Miracoli di una serata all’insegna della donna!  A Gallicchio, «…dove c’è ancora un albero per ogni uomo e un prato verde da curare. Buone ragioni per continuare a viverci».

Per dirla con la prosa della maestra Pina Andriuoli e dalla stessa recitata. Alla serata hanno partecipato le “AIDE” di Armento, Grottole, Sant’Arcangelo e Villa d’Agri. Al saluto iniziale della vice sindaco, Mariachara Montemurro, «La memoria del sacrificio delle donne rende il futuro migliore», quello in coda del Sindaco, Pasquale Sinisgalli: «Un grazie a quanti hanno collaborato e in particolar modo ad AIDE che da quando è presente nella nostra comunità, ha rivalutato la figura della donna e il suo prezioso apporto quotidiano alla vita sociale». I premi alle torte vincitrici: anello al 3° posto, orecchini al 2° e collier al 1°, sono stati prodotti dai laboratori artigianali di AIDE Gallicchio. di Paolo Sinisgalli

 
<< Inizio < Prec. 21 22 23 24 25 26 Successivo > Fine >>

Pagina 24 di 26
Abarto SEO SEO
Adami Mementa SEO